· 

Comunico quindi sono

Parlando di comunicazione, ci si trova inevitabilmente a parlare di lavoro: la comunicazione finalizzata al raggiungimento degli obiettivi professionali è uno dei settori applicativi di maggior interesse.

 

Nonostante ciò, si possono ottenere i migliori risultati, anche sul lavoro, soltanto quando si adottano comportamenti comunicativi che vanno oltre tecniche e strategie, e che affondano le loro radici nell'identità comunicativa del soggetto.

La comunicazione è spesso derivata da una percezione alterata della realtà, infatti comunicare è un processo cognitivo complesso. Non basta sapere che comunichiamo, ma come lo facciamo. Come si comunica dipende dalla personalità, ovvero dall’insieme dei tratti che sono propri di ogni persona e la fanno essere diversa da ogni altra.

 

Inoltre, in ognuno di noi esiste una doppia natura, una logica e razionale e una irrazionale. Il nostro modo di rapportarci con gli altri è spesso governato da scelte fondate sulla ragione ma anche su valutazioni che a volte non riusciamo a spiegarci. Tutto questo

avviene perché siamo soggetti a spinte emotive che, se non sappiamo riconoscere e gestire, ci possono fare perdere importanti opportunità o nei casi peggiori procurarci ingenti danni.

 

Alcune forze che regolano le nostre emozioni e le nostre relazioni possono derivare da associazioni mentali inconsapevoli o inconsce, o dall'influenza dell'educazione e della cultura, o da pulsioni primordiali, istintuali e genetiche, che ci portano ad agire come se fossimo sotto il controllo di una specie di «set mentale».

 

E' comunque possibile, attraverso l'apprendimento di diverse tecniche di comunicazione, efficaci, originali e innovative, facili da imparare e da mettere in pratica, affinare la conoscenza di noi stessi e degli altri, per raggiungere insieme il reciproco appagamento dei nostri bisogni e degli obiettivi prefissati, dando vita a motivazioni sane, prodotte dalle

spinte che orientano le scelte e i comportamenti, utili e convenienti nella vita sociale, affettiva e nella professione.

Scrivi commento

Commenti: 0